Pro Loco Faenza
Visite guidate

 

con il contributo di

logo_bcc_ravennate forlivese e imolese_spec1_colore_rgb_2022.jpg

 

in collaborazione con 

img

clicca qui per aprire il calendario di primavera 2024

L’organizzazione declina ogni responsabilità su eventuali infortuni o danni ai partecipanti.

*  I contributi  raccolti  saranno destinati dalla Pro Loco per i fini culturali a favore della città

Le visite sono condotte da Guide turistiche abilitate ed autorizzate dalla Regione Emilia Romagna

 Le prenotazioni sono obbligatorie e si accettano dal sabato della settimana precedente ogni visita.

Informazioni e prenotazioni:

PRO LOCO I.A.T. Voltone Molinella 2  

tel. 0546 25231

info@prolocofaenza.it    

DIVENTA SOCIO! clicca qui per tutte le info

 
 
 
Newsletter Pro Loco
Codice di sicurezza
Cliccando su "iscriviti" accetti di ricevere la newsletter del nostro sito ai sensi del Regolamento Ue 2016/679 - GDPR
Visite guidate dal "Centro Museale" alla Città e non solo...
Sabato 25 maggio
IN GITA CON LA PRO LOCO:
  • Ritrovo
    in pullman, Piazzale Pancrazi

  • 48018 Faenza RA
  • ore 14.30
GALEATA E DINTORNI. Archeologia e natura.

Quota di partecipazione (da versare al momento della prenotazione): € 23 / € 20 per i soci Pro Loco.
Prenotazioni fin da subito, fino ad esaurimento posti!

Saranno Galeata e dintorni, nel forlivese, le mete della gita sociale Pro Loco Faenza sabato 25 maggio con partenza alle 14.30.
La prima tappa sarà al Museo Civico “Domenico Mambrini”, storicamente galeatese ma dal 2001 trasferito a Pianetto, piccola e graziosissima frazione a lato della strada per Santa Sofia. Si tratta di un museo di arte e di storia, prevalentemente archeologico poiché raccoglie molto materiale di Mevaniola, l’antica città fondata dagli umbri – il nome significa appunto “piccola Bevagna” – e poi ampliata in epoca romana e abbandonata per ragioni ignote attorno al V-VI secolo d.C.
Il sito fu identificato nel 1934 appunto da don Domenico Mambrini, parroco di Galeata, erudito e raccoglitore di materiali storici locali, nonché autore del celebre «Galeata nella storia e nell’arte».

Oltre alla mostra temporanea di reperti lapidei prestati quest’anno da Bevagna – che rimane pur sempre la “città madre”, gemellata con Pianetto per evidenti motivi – si vedranno resti di mosaico, terrecotte, marmi, bronzi e sculture varie, molte delle quali riciclate in epoca alto-medievale, dopo l’abbandono della città, per la costruzione dell’abbazia di Sant’Ellero, dedicata all’omonimo anacoreta che secondo la leggenda incontrò Teodorico. La tradizione vuole che il re goto-ravennate sia venuto qua per riattivare l’acquedotto di Traiano e per costruire una residenza venatoria estiva; quest’ultima esiste davvero e sarà oggetto della terza tappa della visita, sulla strada da Galeata a Pantano: consiste in un imponente scavo, iniziato da archeologi tedeschi a fine anni Trenta e sospeso nel 1942 (l’intento, non privo di velleità nazionaliste, era dovuto alla presunta identità “germanica” di Teodorico) e ripreso una decina di anni fa con la scoperta di una piscina centrale - lastricata con imponenti pezzi di arenaria - e di vasche laterali, con acque calde e fredde; si tratta di una villa cui è stato lasciato il nome “di Teodorico” ma che in realtà comprende anche fasi precedenti e successive.

Tornando al Museo, si vedranno anche i due bellissimi affreschi rinascimentali (pittori ignoti di provenienza toscana) staccati tempo fa dalla chiesa del Pantano, e anche alcune Vanitas (nature morte con funzioni di ammonimento sulla vacuità delle cose terrene) seicentesche raccolte da Mambrini e da lui donate, come tutto il resto, al museo. Quest’ultimo, oltre alla bellezza del contenitore – il restaurato convento rinascimentale dei Padri Minori – si avvale anche di un allestimento efficiente, in linea con i criteri museografici moderni.

Si visiterà anche, sempre a Pianetto, la bella chiesa di fine ‘400 di Santa Maria dei Miracoli, con un tempietto architettonico interno e dipinti cinquecenteschi di scuola vasariana.
La gita della Pro Loco si concluderà con la visita ad un altro interessante sito storico, una sorpresa che non vogliamo svelare. Vi aspettiamo numerosi.
Giovedì 06 giugno
"PASSEGGIANDO ALLA LUCE DEL TRAMONTO"
  • Ritrovo
    Pro Loco, Voltone Molinella 2

  • 48018 Faenza RA
  • ore 20
Giardini, angoli e scorci di una Faenza che non ti aspetti.

* € 3,00
Giovedì 13 giugno
"PASSEGGIANDO ALLA LUCE DEL TRAMONTO"
  • Ritrovo
    Pro Loco, Voltone Molinella 2

  • 48018 Faenza RA
  • ore 20
Giardini, angoli e scorci di una Faenza che non ti aspetti.

* € 3,00
Visite guidate passate
Sabato 18 maggio
PRADA: UNA CHIESA, DUE GIARDINI INCANTATI.
  • Ritrovo
    MEZZI PROPRI,ore 14.45 parcheggio La Filanda – via della Costituzione, oppure ore 15 c/o la chiesa in Via Prada 34

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15
Storia, arte e natura in fiore nelle campagne ai confini della città.
(si ringraziano le proprietà per g.c.)

* € 5/€ 3 soci Pro Loco
Prada, piccola frazione sul limitare del territorio comunale, fu teatro di grandiosi progetti e affascinanti storie tutte da raccontare.
Oggi dedicata all’Immacolata, la chiesa parrocchiale è documentata fin dal 1185. Ricostruita dopo le pesanti ferite subite durante il secondo conflitto mondiale, presenta un gradevole interno ad aula unica finemente ornato e arricchito con pregevoli opere.
A Prada si trovava l’imponente mulino a vapore che il Conte Francesco Laderchi eresse nel 1847 dopo un viaggio in Europa che lo portò a visitare le principali fabbriche europee allo scopo di acquisire i macchinari più all’avanguardia dell’epoca. Pur non potendone più ammirare la maestosità, evocheremo l’impresa passando accanto ai luoghi che ne videro l’ascesa e il declino.
Poco distante dal mulino sorgeva anche una villa di campagna fatta costruire dalla stessa nobile casata. Diversamente dalle ville Rotonda e Il Prato, progettate dall’architetto Giovanni Antonio Antolini, poche sono le notizie sulla dimora pradese. Ne rimane oggi traccia in una lunetta autografa dipinta da Romolo Liverani presso Palazzo Laderchi. La villa fu convegno di patrioti e liberali, ma anche luogo legato alle tristi vicissitudini di Pazienza Porcia, la giovanissima principessa che andò in sposa a Pietro Laderchi.
La seconda parte della visita avrà carattere decisamente più bucolico. Grazie alla cortese ospitalità delle rispettive proprietà, scopriremo due splendidi giardini incantati letteralmente risorti dal fango. Immersi in un tripudio di profumi e colori che sembrano voler cancellare la furia che lo scorso anno li ha sconvolti, ci racconteranno il carattere e l’anima di chi ogni giorno li abita: la passione per le erbe officinali e i frutti dimenticati da una parte, l’amore per la natura e la modernità del mosaico dall’altra.
Sabato 11 maggio
NEL VERDE DI CASTEL RANIERO.
  • Ritrovo
    ore 14.30 (in bici), Pro Loco oppure ore 15 ingresso Villa Rotonda Via Castel Raniero

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15
A piedi per sentieri fino a Villa Mengazza.
(si ringrazia la proprietà per la g.c.)
In occasione di “Musica nelle aie”.

VISITE GUIDATE DAL CENTRO MUSEALE ALLA CITTA’

SABATO 11 MAGGIO 2024, ore 15

NEL VERDE DI CASTEL RANIERO.
A piedi per sentieri fino a Villa Mengazza
Si ringrazia la proprietà per la g.c.
In occasione di “La Musica nelle aie”

Si andrà a piedi per sentiero per ragioni paesaggistiche e perché la strada asfaltata viene chiusa in occasione appunto della festa.
Costruita nel 1850 circa dall’ingegner Luigi Marcucci, padre del futuro sindaco Gallo Marcucci, Villa Mengazza si trova alla sommità della “salita dei leoni” ed è inconfondibile per la facciatina graziosissima, gialla con lesene bianche e profili color mattone, sullo sfondo di un scenografico prato bordato di pini.
Grazie alla cortese disponibilità dei proprietari si vedranno anche alcuni ambienti interni; il pregio del luogo risiede comunque nella splendida collocazione ambientale, fra vigneti, oliveti e boschetti, oltre ai due magnifici gelsi che ornano l’aia della casa colonica immediatamente sottostante la villa.
La visita è possibile appunto per la cortesia dei proprietari, e anche dei privati che concedono il passaggio attraverso i propri terreni, in modo da evitare la strada asfaltata.
La passeggiata è breve (circa 40 minuti) e con dislivello modesto, ma si raccomanda comunque l’uso di scarpe comode o scarponcini. La partecipazione è libera e gratuita.
Sabato 04 maggio
VILLA SAN PROSPERO:
  • Ritrovo
    IN BICI, ore 15 Pro Loco, Voltone Molinella 2; oppure ore 15.15 parcheggio di Punta degli Orti, Via Firenze

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15 (visita riservata ai Soci Pro Loco Faenza)
fra natura, storia e architettura.
(Si ringrazia la proprietà per la g.c.)
Visita riservata ai Soci Pro Loco Faenza.

Nata in epoca medievale come monastero, rimane tale, come attestano i documenti, fino al 1452, per esser poi trasformata in casa colonica per la coltivazione dei terreni che erano rimasti di proprietà del Priorato di San Prospero. L’assetto attuale inizia a prender forma nella seconda metà dell’Ottocento quando la famiglia Rossi, originaria di Biancanigo, acquista l’immobile e – vista anche la posizione panoramica ma prossima alla città – lo trasforma in una «villa di tutto rispetto».

Attorno al 1870 l’edificio aveva certamente già assunto l’aspetto documentato da un disegno di Romolo Liverani, con bella facciata dotata di un monumentale timpano, portico sovrastante l’ingresso, terrazzo, doppia scala esterna e oratorio (quest’ultimo datato 1737 come si legge nella lapide apposta dall’ultimo dei Priori di San Prospero). Nel disegno di Liverani si vede anche la scritta, tuttora presente, «Questa è stanza di pace / ogni cura di qua lungi sbandita / più dolce di piacer colma è la vita».
Resta ignoto il nome dell’architetto progettista ottocentesco anche se si ipotizza trattarsi di Costantino Galli, che per i Rossi aveva già realizzato la graziosa rotonda dietro il loro palazzo di città, oggi visibile da via Martiri Ungheresi; maestosa è anche la serra-limonaia neoclassica, purtroppo bombardata nella Seconda Guerra Mondiale.
Nel 1899-1900 fu aggiunta lateralmente un’alta torre (sei piani con altana e terrazzo sommitale!) ideata dal geniale architetto Vincenzo Pritelli, purtroppo anch’essa distrutta dalla guerra e ricostruita in forme più ridotte.

Malgrado i danni bellici la villa conserva ancora un innegabile fascino architettonico, storico e ambientale, cui non è estraneo il parco, sempre curato dalla proprietà e in cui è ancora riconoscibile il tocco ottocentesco, prettamente romantico, con labirinto vegetale perfettamente conservato, laghetto con sequoie e viali alberati a lecci.
La visita è possibile per la cortese disponibilità dei proprietari, che la possiedono fin dal 1935.
Sabato 27 aprile
PALAZZO SAN GIACOMO A RUSSI:
  • Ritrovo
    MEZZI PROPRI, ore 14.30 parcheggio La Filanda, Via della Costituzione, oppure ore 15 in Via Carrarone Rasponi, Russi

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15
una “delizia” di villeggiatura nella campagna del Seicento.

* € 8 / € 6 soci Pro Loco

La visita guidata a Palazzo San Giacomo a Russi permetterà di scoprire un luogo raro: una dimora di campagna voluta dai conti Rasponi di Ravenna per la villeggiatura estiva. Non solo un palazzo di indubbio interesse artistico (gli affreschi che lo decorano rappresentano il più vasto ciclo pittorico risalente al periodo tra Sei-settecento presente in Romagna), ma anche un microcosmo denso di storie: quelle dei discendenti di questa illustre famiglia ravennate (per qualche tempo, i Rasponi furono anche signori di Ravenna), il cui destino si intreccia con quello dei potentissimi Barberini di Roma.
Domenica 21 aprile
LA CHIESA DI SAN MAGLORIO A FAENZA.
  • Ritrovo
    Via Campidori (altezza del civico 14)

  • 48018 Faenza RA
  • ore 10 - ore 11.30
Per la prima volta aperta dopo una chiusura ventennale.
(Si ringrazia S.E. Mons. Mario Toso – Vescovo di Faenza – per la g.c.)
In collaborazione con il Rione Rosso per la “Sagra del Pellegrino”.

Riapre eccezionalmente, in occasione della Sagra del Pellegrino organizzata dal Rione Rosso, l’antica chiesa di San Maglorio in via Campidori, visitabile con guide della Pro Loco per ben tre volte durante il prossimo fine settimana, venerdì 19, sabato 20 e domenica 21 aprile.

Chiusa da oltre mezzo secolo, la chiesa è stata aperta solo in casi particolarissimi negli ultimi trent’anni e non presenta più i suoi arredi ma è ancora mirabile per la maestosa architettura (esternamente quattrocentesca, all’interno di un secolo dopo e con sporadici interventi successivi), per l’altar maggiore in pregiati marmi del XVIII sec., per le cantorie dell’organo (in legno e con piccoli dipinti attribuiti a pittori fiamminghi del ’500) e per gli affreschi a grottesche pressoché unici a Faenza (attribuiti all’ambito di Marco Marchetti, lo stesso decoratore del voltone della Molinella) nel presbiterio e per quelli sul soprastante soffitto con i Quattro Evangelisti. Infine si potranno vedere i vari dipinti su muro e su tela eseguiti dopo metà Ottocento dai fratelli Antonio e Romolo Liverani anche con paesaggi romantici e del tutto “laici”.

Inoltre si potrà vedere la lapide sepolcrale pavimentale che chiude la tomba di Cassandra Pavoni, “mitica” amante di Galeotto Manfredi (che per ragioni di stato dovette sposare Francesca Bentivoglio, ma che da lei ebbe tre figli, tutti riconosciuti), fattasi qui monaca nel 1480 e che vi morì trentacinque anni dopo.

Le visite del venerdì sera si svolgeranno in abbinamento con il Museo delle Ceramiche per poter ammirare alcune ceramiche di epoca manfrediana o di tipologia conventuale, accostabili a Cassandra Pavoni.


* € 5,00 / € 3 Soci Pro Loco
Sabato 20 aprile
LA CHIESA DI SAN MAGLORIO A FAENZA.
  • Ritrovo
    Via Campidori (altezza del civico 14)

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15 - ore 16
Per la prima volta aperta dopo una chiusura ventennale.
(Si ringrazia S.E. Mons. Mario Toso – Vescovo di Faenza – per la g.c.)
In collaborazione con il Rione Rosso per la “Sagra del Pellegrino”.

Riapre eccezionalmente, in occasione della Sagra del Pellegrino organizzata dal Rione Rosso, l’antica chiesa di San Maglorio in via Campidori, visitabile con guide della Pro Loco per ben tre volte durante il prossimo fine settimana, venerdì 19, sabato 20 e domenica 21 aprile.

Chiusa da oltre mezzo secolo, la chiesa è stata aperta solo in casi particolarissimi negli ultimi trent’anni e non presenta più i suoi arredi ma è ancora mirabile per la maestosa architettura (esternamente quattrocentesca, all’interno di un secolo dopo e con sporadici interventi successivi), per l’altar maggiore in pregiati marmi del XVIII sec., per le cantorie dell’organo (in legno e con piccoli dipinti attribuiti a pittori fiamminghi del ’500) e per gli affreschi a grottesche pressoché unici a Faenza (attribuiti all’ambito di Marco Marchetti, lo stesso decoratore del voltone della Molinella) nel presbiterio e per quelli sul soprastante soffitto con i Quattro Evangelisti. Infine si potranno vedere i vari dipinti su muro e su tela eseguiti dopo metà Ottocento dai fratelli Antonio e Romolo Liverani anche con paesaggi romantici e del tutto “laici”.

Inoltre si potrà vedere la lapide sepolcrale pavimentale che chiude la tomba di Cassandra Pavoni, “mitica” amante di Galeotto Manfredi (che per ragioni di stato dovette sposare Francesca Bentivoglio, ma che da lei ebbe tre figli, tutti riconosciuti), fattasi qui monaca nel 1480 e che vi morì trentacinque anni dopo.

Le visite del venerdì sera si svolgeranno in abbinamento con il Museo delle Ceramiche per poter ammirare alcune ceramiche di epoca manfrediana o di tipologia conventuale, accostabili a Cassandra Pavoni.


* € 5,00 / € 3 Soci Pro Loco
Venerdì 19 aprile
CHIESA DI SAN MAGLORIO E MIC.
  • Ritrovo
    Via Campidori (altezza del civico 14)

  • 48018 Faenza RA
  • ore 19 - ore 19.20 - ore 20 - ore 20.20
La Chiesa di San Maglorio, per la prima volta aperta dopo una chiusura ventennale, e una selezione di ceramiche faentine al MIC.
(Si ringrazia S.E. Mons. Mario Toso – Vescovo di Faenza – per la g.c.)
In collaborazione con il Rione Rosso per la “Sagra del Pellegrino”.

Prenotazioni obbligatorie (a partire dal 13/4), posti limitati.

* € 5,00 / € 3 Soci Pro Loco

Riapre eccezionalmente, in occasione della Sagra del Pellegrino organizzata dal Rione Rosso, l’antica chiesa di San Maglorio in via Campidori, visitabile con guide della Pro Loco per ben tre volte durante il prossimo fine settimana, venerdì 19, sabato 20 e domenica 21 aprile.

Chiusa da oltre mezzo secolo, la chiesa è stata aperta solo in casi particolarissimi negli ultimi trent’anni e non presenta più i suoi arredi ma è ancora mirabile per la maestosa architettura (esternamente quattrocentesca, all’interno di un secolo dopo e con sporadici interventi successivi), per l’altar maggiore in pregiati marmi del XVIII sec., per le cantorie dell’organo (in legno e con piccoli dipinti attribuiti a pittori fiamminghi del ’500) e per gli affreschi a grottesche pressoché unici a Faenza (attribuiti all’ambito di Marco Marchetti, lo stesso decoratore del voltone della Molinella) nel presbiterio e per quelli sul soprastante soffitto con i Quattro Evangelisti. Infine si potranno vedere i vari dipinti su muro e su tela eseguiti dopo metà Ottocento dai fratelli Antonio e Romolo Liverani anche con paesaggi romantici e del tutto “laici”.

Inoltre si potrà vedere la lapide sepolcrale pavimentale che chiude la tomba di Cassandra Pavoni, “mitica” amante di Galeotto Manfredi (che per ragioni di stato dovette sposare Francesca Bentivoglio, ma che da lei ebbe tre figli, tutti riconosciuti), fattasi qui monaca nel 1480 e che vi morì trentacinque anni dopo.

Le visite del venerdì sera si svolgeranno in abbinamento con il Museo delle Ceramiche per poter ammirare alcune ceramiche di epoca manfrediana o di tipologia conventuale, accostabili a Cassandra Pavoni.

Sabato 13 aprile
PRERAFFAELLITI. Rinascimento Moderno.
  • Ritrovo
    Forlì, Musei di San Domenico (MEZZI PROPRI)

  • turno unico: ore 15
Mostra ai Musei di San Domenico a Forlì.

Prenotazioni fin da subito fino ad esaurimento posti limitati; quota di partecipazione da versare al momento della prenotazione OBBLIGATORIA: € 20,00 - Soci Pro Loco € 18,00. (La quota comprende il prezzo del biglietto, i diritti di prenotazione, la visita guidata).
Sabato 06 aprile
IL MUSEO DIOCESANO DI FAENZA.
  • Ritrovo
    Piazza XI Febbraio 10

  • 48018 Faenza RA
  • ore 16
Uno scrigno di arte e fede, di storia e tradizione.

* € 5,00 / € 3 Soci Pro Loco

Intitolato alla memoria del vescovo Giuseppe Battaglia (1944-1970), il Museo Diocesano occupa un’importante porzione del piano nobile della residenza episcopale. Una prima sistemazione degli spazi si ebbe nell’Anno Santo del 2000 ma solo nel 2009 venne avviato un primo intervento di restauro e allestimento che permise di valorizzare importanti testimonianze di età romanico-gotica.

In realtà i limiti cronologici delle opere oggi esposte vanno dal X secolo fino ai giorni nostri, coprendo quindi un arco temporale di mille anni di vita. L’allungato spazio della Loggia Monterenzi è articolato per sezioni, dalla devozione mariana a quella dei santi, dalla liturgia alle forme della religiosità popolare. Particolarmente pregevoli risultano una quattrocentesca Mater Misericordiae, un San Giovanni Evangelista di scuola lombarda del XVI secolo, le croci e gli stendardi processionali, i tabernacoli post-tridentini, un paliotto d’altare in scagliola di età barocca, i modellati plastici della bottega dei Ballanti Graziani e i presepi in terracotta.

Ma lo spazio più prestigioso è la medievale Sala degli affreschi. In essa, oltre a diversi lacerti di esafore duecentesche in marmo rosa di Verona, sono presenti importanti porzioni di pitture parietali di scuola riminese-giottesca risalenti agli anni ’30 del Trecento: Le Quattro Sante, Il trionfo della morte, L’incontro dei tre vivi e dei tre morti e - molto danneggiato- il Giudizio Finale. La sala raccoglie opere di rilevante valore artistico, dalla duecentesca tavola della Madonna della Celletta alle icone di ascendenza veneto-cretese, dalle quattrocentesche tavolette della cantoria della Cattedrale alle superstiti formelle del polittico di Santa Maria foris portam, dal tabernacolo in pietra serena attribuito a Drudo Barilotto alle opere rinascimentali di Biagio d’Antonio, dalle romaniche sculture in pietra calcarea al volto lacerato di un quattrocentesco crocifisso ligneo ritrovato nel 1944 fra le macerie della Chiesa dei Servi e quindi sopravvissuto alle distruzioni belliche.

La Sala del Trono - principale ambiente di rappresentanza dell’episcopio dal XVIII secolo in poi - è strutturata in forma di quadreria. Essa, arredata con pregevoli canterani del XVII e XVIII secolo, raccoglie le grandi pale d’altare che vanno dalla cinquecentesca tavola lignea di Bartolomeo Coda alle tele dipinte da Cristoforo Unterperger, passando per le opere di Tommaso Missiroli, Benedetto Marini, Carlo Cignani. Di particolare interesse sono inoltre il San Sebastiano e il Sant’Andrea attribuiti da alcuni storici dell’arte a Guido Cagnacci.

Il settecentesco Oratorio di Sant’Apollinare, pur essendo ancora in attesa di un prossimo intervento di ripristino dell’antica pavimentazione in cotto, resta un significativo esempio di piccola cappella episcopale con navatella e presbiterio: un ‘barocchetto’ arricchito dalle decorazioni monocrome del bolognese Vittorio Maria Bigari.
Dei successivi spazi dell’ Appartamento del Cardinal Durazzo sono state recentemente riaperte due stanze che accolgono la bella mostra «Calvari», fra cui spiccano soprattutto due opere accomunate dal fatto di essere fortunosamente riemerse dal fango dell’alluvione nei sotterranei dei musei Zauli e Tramonti: nel primo caso si tratta delle formelle in terracotta di una Via Crucis databile agli anni ’40 e di un autore ancora da identificare; nel secondo dei frammenti di una croce in ceramica con cristallina a grosso spessore, copia o forse prova di quella realizzata da Guerrino Tramonti per la Chiesa del Paradiso negli anni Ottanta. Opere di una dolente, impressionante bellezza.
Sabato 23 marzo
LA PINACOTECA DI FAENZA.
  • Ritrovo
    Via Santa Maria dell'Angelo 9

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15
Dal Manierismo al Barocco.

* € 8,00 / € 6 soci Pro Loco (incluso biglietto d'ingresso)

La Pinacoteca Comunale di Faenza, che ha la sua sede nell’ex convento dei Gesuiti, fu il primo museo che Antonio Paolucci, nativo di Rimini, visitò con occhi professionali e definì “piccolo pantheon della pittura romagnola”, trovando il suo percorso affascinante.
La visita guidata, dopo aver preso in esame la figura di un pittore faentino che guardò all’Italia centrale, continuerà con i manieristi i quali elaborarono un linguaggio artistico nato a Firenze e sviluppatosi a Roma, che con la diaspora a seguito del sacco dell’Urbe da parte dei lanzichenecchi (1527), raggiunse le corti italiane, e non solo, dando luogo alla nascita di scuole locali. Proseguirà poi con il Barocco, per chiudersi con l’esame di alcune nature morte di notevole valore artistico.
Sabato 16 marzo
IL SEMINARIO DI FAENZA.
  • Ritrovo
    Viale Stradone 30

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15
La chiesa superiore, ambienti inediti e nuove raccolte d’arte.
(si ringrazia la proprietà per la g.c.)

* € 5,00 / € 3 Soci Pro Loco

Sarà il Seminario “Pio XII” di Faenza, sabato prossimo 16 marzo dalle ore 15, ad aprire il calendario visite guidate di primavera a cura della Pro Loco Faenza.
Continuano infatti gli appuntamenti per far conoscere questo interessante edificio cittadino che, lo scorso ottobre 2023, ha celebrato i 70 anni dall’inaugurazione.
Il progetto fu dell’ingegner Dante Fornoni di Bergamo ma all’impresa intervennero anche artisti faentini: i ceramisti Pietro Melandri e Riccardo Gatti, il pittore Roberto Sella, Angelo Molignoni che eseguì le lampade in rame. Le maestranze edili furono dell’Impresa Bentini di Faenza e della Coop. Muratori di Granarolo, mentre la direzione tecnica dei lavori fu del faentino Giovanni Antenore.
La visita inizierà ovviamente dall’imponente facciata con lo scalone in travertino e con i soprastanti, bellissimi otto medaglioni scolpiti dal faentino Angelo Sabbatani e recanti i ritratti dei Santi più legati a Faenza. Poi si visiterà la biblioteca e il chiostro, oggi tamponato con vetri ma con ancora, al centro, un settantenne tasso, e con la facciata della chiesa sullo sfondo. Quest’ultima coniuga, al suo interno, suggestioni bizantine (grazie al sapiente uso dell’oro e del mosaico) con raffigurazioni bibliche rese con estremo verismo da pittori bergamaschi di formazione classica: la presenza di varie personalità della città lombarda si spiega con la provenienza del committente, cioè il vescovo Giuseppe Battaglia, tra l’altro appassionato personalmente d’arte.
Sottoposto a recenti restauri e ad adeguamenti per il potenziamento dei servizi bibliotecari interni, il Seminario è stato anche riarredato e dotato di opere d’arte, soprattutto del notissimo Angelo Biancini. Nei limiti del possibile si accederà a tutti gli ambienti.
Sabato 16 marzo
_CALENDARIO DI PRIMAVERA 2024
  • da SABATO 16 MARZO 2024
Partono sabato 16 marzo le visite guidate della Pro Loco Faenza per la primavera 2024. Come da tradizione, si svolgono di sabato pomeriggio – quest’anno con l’eccezione della chiesa di San Maglorio, visitabile anche l’indomani, domenica mattina – e sono seguite dalle due “passeggiate alla luce del tramonto” nei primi due giovedì di giugno.

Riguardo ai contenuti, come sempre si è cercato un equilibrio fra arte, storia e natura, con attenzione anche alle mostre, agli eventi in città e ai restauri. Tra le mete, le novità principali sono soprattutto la chiesa di San Maglorio e la villa San Prospero, entrambe chiuse da molti anni ed entrambe tornate ad essere visibili per la cortese concessione delle rispettive proprietà: la prima, limitrofa al grande quadrilatero del Museo delle Ceramiche, è di origini medievali ma si presenta oggi soprattutto nella sua veste cinque-seicentesca per via delle ristrutturazioni che la interessarono: è priva dei suoi arredi mobili, ovviamente tutti messi altrove in sicurezza, ma conserva ancora un’architettura di prim’ordine, stucchi e affreschi a grottesche attribuiti alla cerchia di Marco Marchetti, tempere murali ottocentesche del grande Romolo Liverani, le cantorie dell’organo con dipinti attribuiti al fiammingo Giovanni Stradano e infine il sepolcro di Cassandra Pavoni, la donna di Galeotto Manfredi e madre dei suoi tre figli che si fece qui monaca nel 1480 e che vi morì quasi quarant’anni dopo. Il sepolcro è vuoto (lo si appurò negli anni Sessanta del ’900) ma resta ancora la bellissima lapide terragna cinquecentesca con l’emblema della famiglia Pavoni.
La seconda è invece una delle più suggestive ville fuori-porta faentine, nella verde cornice di Castel Raniero. Nata come antico Priorato di San Prospero fu trasformata a fine Settecento e poi a metà Ottocento da un architetto ignoto che sistemò il parco secondo la moda romantica dell’epoca e infine ingrandita nel primo ‘900 dal geniale e bizzarro architetto faentino Vincenzo Pritelli. Conserva ancora un grande parco, con monumentale serra-arancera, laghetto con sequoie e soprattutto l’oratorio. Si tratta di un luogo importantissimo per la storia e gli affetti faentini.
Per il resto, musei – la Pinacoteca Comunale e il Diocesano anzitutto, ma anche i forlivesi Musei di San Domenico con la mostra sui Preraffaelliti e il Seminario, che con le sue raccolte d’arte sta diventando anch’esso un museo – e scampagnate: a Castel Raniero in occasione de “La Musica nelle Aie” per una passeggiata nel verde che ci porterà a Villa Mengazza (anch’essa aperta per g.c. della proprietà), poi a Russi per il seicentesco Palazzo San Giacomo e infine a Prada, per la chiesa e per due giardini privati, di nuovo visitabili in maniera straordinaria per g.c. dei proprietari.
Sabato 27 gennaio
Per non dimenticare - Passeggiata della Memoria 2024.
  • Ritrovo
    Pro Loco, Voltone Molinella 2

  • 48018 Faenza RA
  • ore 15.00
Una visita guidata ai "Luoghi della Memoria" in città.

Nell'ambito delle iniziative organizzate dall'Amministrazione Comunale.
Partecipazione gratuita.

Sono otto le “tappe della Memoria” individuate a Faenza dalla Pro Loco, tappe che in buona parte saranno oggetto della visita guidata “Per non dimenticare” sabato 27 gennaio alle 15.
L’esordio è fulminante, con il grande piatto in ceramica prestato dal Liceo Ballardini-Torricelli e già esposto in questi giorni proprio nella vetrina della stessa Pro Loco. Si tratta del saggio di fine-corso eseguito nel 1937, a Faenza, dal giovane studente ebreo tedesco Werner Jacobson. In realtà questa è una copia fedele e di alta qualità, realizzata nel 2010 da una fotografia che il vice-direttore dell’istituto, Giuseppe Liverani, aveva fatto scattare prima della distruzione del manufatto, ritenuto compromettente (per la scuola e per lo stesso studente) visti i chiari riferimenti politici e identitari dell’apparato decorativo, tutto ispirato alla tradizione ebraica. Oggi si sa – grazie alle ricerche di Cesare Finzi, purtroppo recentemente scomparso – che Jacobson rimase a Faenza almeno fino al 1940 e che riuscì poi a fuggire prima in Palestina ed infine a New York ove avviò una produzione di ceramica. La successiva scoperta nei depositi del Mic di sei maioliche da lui donate e inviate per posta nel 1981 senza alcuna spiegazione fa pensare ad una sorta di ringraziamento verso la città che in qualche modo deve averlo protetto: dalla cartellina dell’archivio della scuola, oltre alla foto, è infatti emerso un carteggio in cui il direttore Gaetano Ballardini risponde evasivamente alle richieste del Commissariato di Polizia ai sensi delle leggi razziali del 1938 e non rivela l’indirizzo dello studente che pure doveva essergli noto.
Il piatto è magnifico e decorato secondo la tipologia faentina della “zaffera in rilievo” ma con i simboli dell’ebraismo (Tavole della Legge, iniziali dei Dieci Comandamenti, Stella di Davide, candelabri a sette braccia e soprattutto una scritta riportante l’Inno della Speranza divenuto dopo il 1948 Inno di Israele); Liverani si fece tradurre la scritta e riportò diligentemente tutto nella cartellina poi nascosta in archivio.

Le altre tappe riguarderanno: il Monastero di Santa Chiara con la pietra di inciampo e tutti gli effetti personali di Amalia Fleischer, avvocatessa viennese insegnante di lingue nel monastero, arrestata nel dicembre 1944 e partita da Milano sul famigerato treno del 30 gennaio 1945 – lo stesso di Liliana Segre – per Auschwitz (ove giunse morta o dove fu uccisa all’arrivo dopo ben sette giorni di viaggio al freddo e senza cibo); il Tempietto della Memoria sul lungofiume, restaurato nel 2002 a cura degli studenti del “Ballardini” e recante i nomi dei lager europei e tutti i simboli dei detenuti dei lager; il vicino Ponte della Memoria eretto dalla Brigata Ebraica in meno di tre mesi dal febbraio ai primi di aprile 1945; infine il Museo Argylls Romagna di via Castellani che conserva un’intera sezione dedicata alla Shoah con reperti evocativi e tre preziosi originali dell’epoca.
Sabato 14 gennaio 2023
TEATRO MASINI 1787 -
  • Ritrovo
    Teatro Masini - Faenza, Piazza Nenni
  • Piazza Nenni
    48018 Faenza RA
  • dalle 10.30 alle 12.30
Apertura con visite guidate, il sabato mattina.

Il teatro "Masini" è stato inserito all'interno della Strada Europea dei Teatri Storici (EHRT - European Route of Historic Theatres) e, in particolare, nella North Italian Route, unitamente al Teatro Olimpico di Vicenza, al Teatro all'Antica di Sabbioneta, al Teatro Scientifico Bibiena di Mantova ed altri 7 teatri storici del nord Italia.

Il Comune di Faenza - Assessorato alla Cultura - ha pertanto voluto attivare una serie di aperture sperimentali con visite guidate al "Masini" realizzate in collaborazione con la Pro Loco Faenza.
Tutti potranno quindi accedere ad un ulteriore bene culturale cittadino, un raffinato esempio di teatro all’italiana ed uno dei più significativi dell’architettura neoclassica.

Info e biglietteria: Pro Loco IAT Faenza - Voltone Molinella 2 - tel. 0546 25231
ticket: intero € 4,00, ridotto € 3,00 (under 18, over 65, gruppi min 10 persone, universitari muniti di tessera), gratuito per bambini e ragazzi 0-14 anni e gratuità di legge.
Domenica 01 gennaio 2023
Diventa Socio Pro Loco
    Martedì 31 dicembre 2019
    PRO LOCO FAENZA 2019
      Il programma delle attività e delle visite guidate 2019
      Lunedì 31 dicembre 2018
      PRO LOCO FAENZA 2018
        Il programma delle attività e delle visite guidate 2018
        Domenica 31 dicembre 2017
        PRO LOCO FAENZA 2017
          Il programma delle attività e delle visite guidate 2017